Glossario

Airlaid

È la carta realizzata utilizzando cellulosa “fluff” a fibra lunga con un processo di produzione che non prevede l’utilizzo dell’acqua per creare i legami tra le fibre. La carta così ottenuta è particolarmente resistente e assorbente e può essere riutilizzata più volte. Le bobine jumbo sono destinate ai reparti converting del Gruppo per essere trasformate in tovaglioli, tovaglie, asciugatutto e strofinacci oppure sono destinate ad altre aziende cartotecniche per essere usate anche nella produzione di assorbenti, wet wipes e imballaggi speciali.

Al.Pe.®

Marchio che identifica il materiale omogeneo composto da polietilene e alluminio derivante dal riciclo dei cartoni per bevande tipo Tetra Pak®, con il quale altre industrie fabbricano manufatti per molteplici destinazioni.

Away from Home

Il mercato Away from Home dei prodotti in carta tissue e airlaid riguarda tutti i consumi al di fuori della civile abitazione, ossia i consumi di ospedali, mense, industrie, scuole, imprese di pulizia, ristoranti, alberghi, etc. Le principali famiglie di prodotti in questo mercato sono costituite da asciugamani a rotolo e piegati, strofinacci, carta igienica, lenzuolini medici, tovaglioli e tovaglie.

Bobina jumbo

Nell’industria cartaria, la bobina jumbo identifica un grande rotolo formato dall’avvolgimento del foglio continuo di carta o cartone su apposita anima di cartone pressato destinato ad essere tagliato nel formato desiderato dalle industrie cartotecniche.

BS OHSAS 18001:2007 (Occupational Health and Safety Assessment Series)

Certificazione che riconosce il rispetto dei requisiti di un Sistema di Gestione della Sicurezza e della Salute dei Lavoratori.

Business to Business

Nel linguaggio commerciale il complesso delle varie transazioni che avvengono tra un’azienda e i suoi fornitori o altre aziende del medesimo settore.

Calandratura

È un trattamento meccanico a cui si sottopone il foglio di carta dopo la fabbricazione, al fine di aumentarne la compattezza e la lisciatura. Il trattamento è fatto per mezzo della calandra, sistema costituito da due o più cilindri rotanti in acciaio o ghisa tra i quali viene fatto passare il foglio di carta.

Carta

La carta è un insieme di fibre vegetali che si mantengono unite tramite legami naturali. Si distingue dal cartone o dal cartoncino principalmente per la grammatura, ossia il peso espresso in grammi al metro quadro. Si può ritenere che la carta comprenda fogli fino a grammatura 200 gr/m2.

Carta a secco

È la carta realizzata utilizzando cellulosa “fluff” a fibra lunga con un processo di produzione che non prevede l’utilizzo dell’acqua per creare i legami tra le fibre. La carta così ottenuta è particolarmente resistente e assorbente e può essere riutilizzata più volte. Le bobine jumbo sono destinate ai reparti di cartotecnica del Gruppo per essere trasformate in tovaglioli, tovaglie, asciugatutto e strofinacci oppure sono destinate ad altre aziende cartotecniche per essere usate anche nella produzione di assorbenti, wet wipes e imballaggi speciali.

 

Carta da riciclare / Carta da macero

È la carta che è già stata utilizzata per lo scopo per la quale è stata fabbricata e che viene riutilizzata nel ciclo produttivo.

Carta monolucida

È la carta realizzata utilizzando come materia prima carta da riciclare, cellulosa vergine o un mix delle due, destinata a industrie cartotecniche produttrici di sacchetti, carta regalo, carte accoppiate a polietilene o alluminio, tovaglie e altri imballaggi.

Carta paglia

È una carta realizzata utilizzando come materia prima le fibre contenute nella paglia. Il procedimento per ottenerla è stato inventato a Villa Basilica nel 1834 dal farmacista Stefano Franchi.

 

Carta tissue

È una carta realizzata utilizzando come materia prima la carta da riciclare, la cellulosa vergine o un mix delle due, destinata ai reparti converting del Gruppo o ad altre industrie cartotecniche, per essere trasformata in asciugatutto, carta igienica, asciugamani, tovaglioli, etc.

Carta velina

È un tipo di carta molto leggera e sottile, in genere traslucida che viene usata per imballaggi e lavori artistici.

 

Cartiera

È uno stabilimento industriale per la fabbricazione della carta.

Cartone

Il cartone si distingue dalla carta e dal cartoncino soprattutto per la grammatura. I cartoncini hanno una grammatura compresa tra i 200 e i 400 gr/m2, mentre i cartoni sono fogli superiori a 400 gr/m2 e possono raggiungere 1.110 gr/m2.

Cartoni per bevande

Contenitore per alimenti, formato da diversi strati di carta, polietilene e alluminio in grado di proteggere e allungare la vita del prodotto a scaffale.

Cartotecnica

Con il termine cartotecnica o trasformazione si identifica lo stabilimento industriale dedicato alla trasformazione delle bobine jumbo prodotte in cartiera in prodotti finiti destinati alla vendita.

Cassa aspirante

È un elemento della macchina continua che attraverso una pompa aspirante pulisce il feltro o la tela dai residui che si depositano sui suddetti supporti durante la produzione della carta.

Cassa d’afflusso

La cassa d’afflusso è il primo elemento di una macchina continua, da questa dipende la formazione del foglio e le caratteristiche meccaniche della carta. Prepara le fibre, miscelate con acqua, e le distribuisce sulla tela affinché si leghino tra loro per formare il foglio di carta.

Cellulosa

È la materia prima fibrosa utilizzata per la fabbricazione della carta e ottenuta sottoponendo a trattamento meccanico e chimico il legno.

 

Centro logistico

Fabbricato industriale destinato allo stoccaggio e spedizione dei prodotti finiti ai clienti.

 

Certificazione

Attestazione rilasciata da un ente competente a un’azienda che soddisfa un insieme di norme stabilite a livello internazionale. 

Colori primari

Sono il giallo, il magenta e il ciano e sono gli unici colori materiali capaci – se mescolati in quantità diverse tra loro – di riprodurre qualsiasi sensazione colorata ottenibile a mezzo stampa. Alla stampa dei tre colori primari si deve aggiungere il nero.

Confezionatrice

È la macchina usata per confezionare i prodotti finiti nei vari formati in modo che rispondano a determinate condizioni di commerciabilità e sicurezza.

Consumer

Il mercato consumer è relativo ai consumi effettuati dalle famiglie, attraverso i prodotti acquistati in negozi, discount, supermercati e ipermercati.

Der Blaue Engel

Certificazione ecologico-ambientale di prodotto tedesca.

Disinchiostrazione

È un trattamento meccanico applicato alla carta da riciclare al fine di pulire l’impasto dalle impurità della stampa.

Dispenser

Meccanismo che regola la distribuzione di un prodotto. 

Ecolabel

Marchio di qualità ecologica rilasciato dall’Unione Europea che contraddistingue prodotti e servizi a basso impatto ambientale.

Economia circolare

È un sistema economico pensato per potersi rigenerare da solo e pianificato per riutilizzare i materiali in successivi cicli produttivi, riducendo al massimo gli sprechi.

Ecosostenibilità

L’ecosostenibilità è l’attività umana che regola la propria pratica secondo assunti ecologisti nel quadro dello sviluppo sostenibile. Il rinnovamento delle risorse è al centro del discorso ecosostenibile ed è visto come capacità intrinseca del mondo di trasformarsi in maniera ciclica, capacità che va difesa per non modificare i delicati equilibri terrestri.

EMAS (Eco-Management and Audit Scheme)

Sistema comunitario di eco-gestione e audit destinato alle organizzazioni che desiderano impegnarsi nel valutare e migliorare la propria efficienza ambientale.

Epurazione

È l’ultima fase del processo di preparazione impasti che utilizza come materia prima la carta da riciclare. Questo passaggio permette di eliminare eventuali impurità pesanti e leggere (come spille metalliche, sabbie, plastiche, smalti etc…) utilizzando i principi fisici del differente peso specifico e differente dimensione.

Essiccazione fanghi

È il processo di disidratazione che, mediante agenti naturali (vapori), riduce il tenore di umidità degli stessi al fine di renderli più facilmente trasportabili e utilizzabili.

Fanghi di cartiera

Si tratta di residui solidi composti principalmente da piccole fibre di cellulosa, da cariche minerali (sostanze minerali presenti nella cellulosa o nella carta da macero) e da residui di inchiostri.

Fiberpack®

Marchio che identifica la materia prima fibrosa ottenuta attraverso il processo produttivo di riciclo dei cartoni per bevande tipo Tetra Pak® che viene utilizzata per produrre i prodotti a marchio Lucart Professional Eco Natural, Fato Natural, Velo Natural, Tenderly Professional Natural e Grazie Natural.

Flessografia

È un procedimento di stampa diretto che utilizza una forma da stampa rilievografica costituita da gomma o lastre fotopolimeriche. Utilizzato soprattutto per la stampa di imballaggi flessibili, è adatto anche per la stampa su carta tissue.

FSC® (Forest Stewardship Council®)

Certificazione che garantisce la provenienza delle materie prime da fornitori che adottano sistemi di gestione forestale sostenibile e con catena di custodia certificata.

Goffratura

Operazione a cui si sottopone la carta che consiste nell’imprimere un disegno decorativo in rilievo su di essa. Nelle carte tissue può avere la funzione di aumentare l’adesione dei veli e la capacità di assorbenza.

Grammatura

È il peso della carta espresso in grammi e riferito all’area di un metro quadro.

Ho.Re.Ca.

Acronimo di Hotellerie-Restaurant-Café, è un termine commerciale che interessa l’industria dei servizi alberghieri e legati al mondo che gravita attorno a cibi e bevande.

IFS HPC

Certificazione internazionale che garantisce il rispetto di specifici standard di sicurezza e qualità dei prodotti per la cura della persona e della casa.

Impasto

Nel mondo cartario si intende il preparato composto da fibre di cellulosa pura e/o carta da riciclare e acqua che sarà utilizzato per la formazione del foglio di carta.

Impianto di cogenerazione

È un impianto alimentato a gas metano che produce energia elettrica. L’energia elettrica autoprodotta viene utilizzata per alimentare i macchinari, mentre il calore derivante dalla combustione del metano viene usato per asciugare la carta sulle macchine continue o i fanghi di cartiera.

ISO 14001

Norma internazionale a carattere volontario che definisce come deve essere sviluppato un efficace Sistema di Gestione Ambientale.

ISO 22716

Norma internazionale a carattere volontario che definisce le linee guida per la produzione, il controllo, la conservazione e la spedizione dei prodotti cosmetici con la finalità di garantire al consumatore elevati standard igienico-sanitari e di sicurezza.

ISO 50001

Norma internazionale a carattere volontario che definisce come deve essere sviluppato un efficace Sistema di Gestione Energetico.

ISO 9001

Norma internazionale a carattere volontario che definisce come deve essere sviluppato un efficace Sistema di Gestione Qualità.

LCA – Analisi del ciclo di vita del prodotto

È un metodo strutturato e standardizzato a livello internazionale che permette di quantificare i potenziali impatti sull’ambiente e sulla salute umana associati a un bene o servizio, a partire dal rispettivo consumo di risorse e dalle emissioni.

Macchina da carta (Macchina continua)

È l’impianto dedicato alla produzione della carta in bobine jumbo. Questi impianti nelle cartiere moderne lavorano 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Macchinabilità

Si tratta dell’insieme delle caratteristiche che rendono una carta facilmente lavorabile nei reparti di cartotecnica. Tali caratteristiche sono legate alle proprietà fisiche e meccaniche della carta.

Mater-bi

È una famiglia di bioplastiche completamente biodegradabili e compostabili con cui si realizzano soluzioni e prodotti a ridotto impatto ambientale. Lucart nel 1997 è stata la prima Azienda nel mondo a utilizzare questo materiale per il confezionamento dei prodotti per l’igiene in carta riciclata EcoLucart.

Materiale rinnovabile

Sono da considerarsi materie prime rinnovabili quelle materie che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono “esauribili” in una scala temporale umana e, per estensione, il cui utilizzo non pregiudica le risorse naturali per le generazioni future.

Miscelazione

È la prima fase del processo di trasformazione della carta vero e proprio e consiste nell’omogeneizzare in maniera ottimale le materie prime fibrose tra di loro e con le altre materie di natura non fibrosa.

Monolucido

È un grande cilindro metallico riscaldato al suo interno attraverso il vapore. Situato nella parte della macchina continua dedicata al processo di asciugatura della carta che verrà completato attraverso l’ausilio delle cappe.

Obiettivi di sviluppo sostenibile

Si tratta di un programma di azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU. Ingloba 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile in un grande programma d’azione per un totale di 169 ‘target’ o traguardi. L’avvio ufficiale degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile ha coinciso con l’inizio del 2016, guidando il mondo sulla strada da percorrere nell’arco dei prossimi 15 anni: i Paesi aderenti, infatti, si sono impegnati a raggiungerli entro il 2030.

Ok Compost

È il marchio che certifica che il prodotto è compostabile negli impianti di compostaggio industriale.

Pannelli fonoassorbenti

Si tratta di pannelli che permettono di isolare acusticamente un ambiente, realizzati utilizzando materiali a bassa densità, di consistenza spugnosa o comunque leggera e compatta.

Pantone®

Nome commerciale di un sistema di codifica e di identificazione dei colori impiegato in grafica, in editoria e in tipografia.

Patina

È una miscela composta essenzialmente da pigmenti minerali dispersi nella soluzione acquosa di una o più sostanze adesive, applicate a una o a tutte e due le superfici della carta durante la patinatura.

PEFC™ (Programme for the Endorsement of Forest Certification)

Certificazione che garantisce la provenienza delle materie prime da fornitori che adottano sistemi di gestione forestale sostenibile e con catena di custodia certificata.

Personalizzazione

Nel mercato Ho.Re.Ca per l’arredamento della tavola, con  personalizzazione si intende l’inserimento mediante stampa del logo del cliente sul tovagliolo, tovaglia e portaposate.

Private Label

È un prodotto realizzato per il distributore e venduto con la marca dello stesso con specifiche caratteristiche qualitative.

Prodotto finito

Nel mondo della carta ad uso igienico sanitario, è il risultato di lavorazione delle bobine jumbo trasformate in prodotti destinati ad uno specifico utilizzo (carta igienica, asciugatutto, tovaglioli, fazzoletti, etc…)

Reflui industriali

Qualsiasi tipo di acque reflue scaricate da edifici o impianti in cui si svolgono attività commerciali o di produzione di beni.

Ribobinatrice

È la macchina con cui si realizza sia l’accoppiamento dei veli di più bobine sia il taglio delle bobine in formati utilizzabili nelle cartotecniche.

Riciclabile

Identifica un materiale riutilizzabile in un nuovo ciclo di produzione.

Scalo ferroviario

Località, intermedia o terminale, toccata da un mezzo di trasporto ferroviario durante un viaggio allo scopo di compiere operazioni di carico e di scarico, di rifornimento, manutenzione, etc.

Scarto pulper

Insieme ai fanghi di cartiera, è uno dei due principali scarti del processo di riciclo della carta. È composto dai materiali non fibrosi presenti nella carta da riciclare (punti metallici, plastiche, parti di legno, etc…).

Sfridi di produzione

È l’insieme dei residui di lavorazione della carta durante il processo di produzione e trasformazione.

Sito integrato

È un sito industriale composto da un reparto di cartiera per la produzione di bobine jumbo e un reparto di cartotecnica per la trasformazione delle stesse in prodotti finiti.

Sostenibilità

Nelle scienze ambientali ed economiche identifica una condizione di sviluppo in grado di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri bisogni.

Spappolatore pulper

Impianto di grande dimensione di forma cilindrica, dotato di una girante che attraverso l’azione meccanica di pale in rotazione e la presenza di acqua porta in sospensione le fibre di cellulosa. Nel pulper entrano le materie prime fibrose e l’acqua ed esce l’impasto che viene poi avviato alla macchina continua per la produzione di nuova carta. Nella produzione a partire da carta da riciclare, l’azione meccanica consente, oltre alla separazione delle fibre tra esse, anche la separazione delle fibre dai materiali impropri che rappresentano lo scarto pulper.

Stampa offset

È un procedimento di stampa planografico detto indiretto perché il foglio, o il supporto di stampa, non è a diretto contatto con la forma da stampa inchiostrata, ma con un telo gommato che fa da tramite. Si tratta del procedimento di stampa attualmente più diffuso (circa 60% degli stampati) ed è particolarmente adatto a stampare su supporti con basso grado di finitura superficiale.

Stampabilità

È l’insieme delle caratteristiche che rendono una carta particolarmente adatta alla ricezione di un grafismo inchiostrato. Tali caratteristiche sono legate in modo particolare alla finitura superficiale, alla resistenza superficiale e all’assorbimento-affinità di inchiostro.

Tela di formazione

È una tela multistrato composta da fibre in poliammide o poliestere, fabbricata ad anello senza giunzione. Ha il compito di sostenere la carta che si sta formando nella macchina da carta e di lasciar fluire l’acqua con facilità. Ha il compito di ricevere la miscela di fibre e acqua proveniente dalla cassa di afflusso e di drenare l’acqua dal foglio di carta in formazione, trasportandolo verso la parte della macchina continua dedicata al processo di asciugatura della carta.

Tetra Pak®

Termine utilizzato per indicare un imballaggio poliaccoppiato composto da fibre di cellulosa (74%), alluminio (4%) e polietilene (22%). È molto utilizzato in ambito alimentare per le sue caratteristiche di protezione e conservazione degli alimenti e prende il nome dall’azienda che lo ha inventato.

Turbina

La turbina a gas, è un motore a combustione interna utilizzato per trasformare mediante turbomacchine l’energia chimica del combustibile.

Valvola della grammatura

È una strozzatura regolabile del tubo di mandata di impasto in ingresso alla pompa di alimentazione (fan pump). La regolazione di questa valvola cambia la grammatura finale a parità di condizioni operative della macchina continua.

L'ultima news dal mondo Lucart

Un viaggio affascinante
Scopri le tappe della storia della carta
Clicca qui
Condividiamo il futuro
Scopri la storia del nostro Gruppo
Clicca qui