23 Marzo 2018

Porte aperte allo stabilimento Lucart di Diecimo

Condividi su
In occasione del 65esimo anniversario dalla fondazione, abbiamo aperto le porte del nostro stabilimento di Diecimo per far conoscere da vicino il “ciclo del riciclo” della carta e dei cartoni per bevande Il 23 marzo scorso, infatti, le Eco-guide Lucart hanno accompagnato i visitatori alla scoperta dei grandi impianti che ogni giorno trasformano la carta da riciclare in nuovi articoli per l’igiene, come carta igienica, tovaglioli, asciugamani, asciugatutto e fazzoletti.

All’interno dell’iniziativa “RicicloAperto” promossa da Comieco, il consorzio per il recupero della carta e del cartone, è stato possibile visitare, all'interno dello stabilimento di Diecimo, non solo la “macchina da carta” ma anche scoprire come si produce l’energia e il vapore che la alimentano, scoprire le materie prime che vengono utilizzate, osservare come vengono depurate le acque per garantire la sicurezza e tutelare l’ambiente e vedere che cosa succede agli scarti di produzione.
Un’occasione unica per conoscere in prima persona uno dei migliori esempi di economia circolare già realizzati a livello industriale e che ogni anno permette di salvare centinaia di migliaia di alberi e di ridurre le emissioni di CO2.

Lo Stabilimento di Diecimo è uno dei più grandi stabilimenti integrati per la produzione e trasformazione di carte per uso igienico in Europa. Ogni anno è in grado produrre e trasformare in carta igienica, asciugatutto, tovaglioli, fazzoletti e asciugamani, più di 100.000 tonnellate di carta rigenerata e in pura cellulosa certificata ed è uno dei pochissimi impianti al mondo in grado di riciclare i cartoni per bevande tipo Tetra Pak® recuperando tutte le componenti: le fibre di cellulosa, il polietilene e l’alluminio che vengono trasformate in due nuove materie prime il Fiberpack® e l’Al.Pe.®
Lo stabilimento vanta numerose certificazione che garantiscono la corretta applicazione dei sistemi di gestione della Qualità, della Sicurezza e dell’Ambiente, dell’Energia e delle materie prime. È infatti certificato EU Ecolabel, PEFC, FSC, UNI EN ISO 9001, UNI EN ISO 14001, UNI EN ISO 50001, EMAS, BS OHSAS 18001, Der Blaue Engel, IFS HPC.
Ambiente, Corporate