Lucart Group

Slow Food sceglie Lucart come Partner Sistemico per Terra Madre Salone del Gusto 2016. 

 

Oltre 65.000 cartoni per bevande riciclati e quasi 2 tonnellate di Co2 in meno* in atmosfera.

Questi gli effetti positivi sull’ambiente ottenuti grazie alla collaborazione tra Lucart e il più importante evento internazionale dedicato alla cultura del cibo, che si terrà a Torino dal 22 al 26 settembre, organizzato da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino.

In concreto l’Azienda fornirà prodotti in carta (carta igienica, tovaglioli, asciugamani, tovagliette, ecc…) realizzati senza tagliare gli alberi attraverso il riciclo dei cartoni per bevande tipo Tetra Pak®. In linea con il tema dell’edizione 2016 “Voler bene alla terra”, Lucart è stata infatti scelta come Partner Systemic Event Design.  

La collaborazione si inaugura nell’anno in cui si celebra il 20° anniversario della manifestazione e i 30 anni di attività Slow Food. 

Un appuntamento che mobilita centinaia di famiglie in tutta la regione dal 2004, una cinque giorni in cui agricoltori, pastori, pescatori, produttori, cuochi ed educatori provenienti da ogni parte del mondo condividono con i loro ospiti piccoli gesti quotidiani, usi e tradizioni.

Fin dal 2006 il Salone Internazionale del Gusto e Terra Madre ha adottato il progetto transdisciplinare di ricerca applicata Systemic Event Design (SEeD), sviluppato dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo per Slow Food, che definisce un nuovo concetto di qualità dell’evento. 

Quest’anno il progetto SEeD (progetto “Eventi a ridotto impatto ambientale”), esalta il rapporto che l’evento ha con il territorio e la comunità, in modo tale da lasciare un patrimonio positivo alla comunità, applicando regole e principi orientati al risparmio, al riutilizzo e al riciclo delle risorse.

E’ in quest’ottica che si inserisce Lucart con il progetto Fiberpack® (www.fiberpack.com ), marchio che identifica la materia prima fibrosa realizzata con l’esclusivo processo di trattamento dei cartoni per bevande, unico in Italia, ed utilizzato per produrre carta 100% ecologica.

La vita di Fiberpack® inizia con la raccolta differenziata dei cartoni per bevande tipo Tetra Pak®, che attraverso un’innovativa tecnologia vengono avviati ad un processo di recupero, separando le fibre di cellulosa dal polietilene e dall'alluminio senza l'utilizzo di sostanze dannose per l'uomo e per l'ambiente.

Le fibre di cellulosa sono utilizzate per ottenere prodotti in carta mentre, alluminio e polietilene, sono recuperati in altre industrie per fabbricare manufatti dalle molteplici destinazioni: dall'edilizia all'arredo urbano, da oggetti di uso comune quali penne e righelli, ai pali di ormeggio a Venezia, ai pallet per il trasporto delle merci, ecc.

Con Fiberpack® è possibile produrre carta per tutti gli usi domestici. La carta ottenuta è estremamente morbida e soffice ma anche resistente e assorbente, caratteristiche ideali per fazzoletti, tovaglioli, asciugamani, strofinacci e carta igienica.

Fonte: *Studio RISI 2008